Il valore di un sito

Il valore di un sito

Vi siete mai domandati come determinare il valore del vostro sito?
Si trovano vari strumenti on-line che offrono una valutazione istantanea del vostro sito (per esempio http://www.media2buy.com/link-utili).

Questi strumenti offrono una stima del valore del vostro sito in base a parametri che possono facilmente essere acquisiti dal web. Per esempio, l'anzianità del vostro sito, quante pagine sono state indicizzate dai motori di ricerca, quanti links da altri siti puntano sul vostro sito e così via.
Purtroppo, la maggior parte delle volte, la stima del valore di un sito offerta da questi strumenti è molto distante da quello che potrebbe essere il valore reale del vostro sito.

Questo è dovuto al fatto che non esiste una formula ufficiale per calcolare il valore di un sito.
Una stima precisa richiede l'analisi di molti fattori, più attentamente si analizzano questi fattori e più si ottiene una stima realistica del valore di un sito.

Per capire il possibile valore del proprio sito innanzitutto è importante capire la visibilità del sito all'interno del web e cercare di quantificare questa visibilità a livello commerciale.

Il posizionamento di un sito su un motore di ricerca, specialmente il posizionamento su Google, potrebbe essere un ottimo strumento per ottenere una stima del valore del proprio sito.

Infatti, se il vostro sito è ben posizionato tramite specifiche parole chiave, potreste analizzare il numero di ricerche effettuate per una specifica parola chiave (per il link di questo strumento: http://www.media2buy.com/link-utili/) e il posizionamento del sito stesso. Conoscendo poi il costo medio di un click, per la stessa parola chiave, potrete ottenere una stima del valore del sito.

Per esempio, se un sito appare in prima posizione su Google quando un utente effettua la ricerca "agenzia pubblicitaria", utilizzando Google keyword tool troviamo che la parola “agenzia pubblicitaria” viene ricercata circa 12.000 volte al mese. Sapendo che il costo medio di un pay per click per la stessa parola è di circa 1,70 Euro possiamo quindi dedurre che, effettuando una campagna pay per click per la stessa parola, si potrebbe avere un click ogni 1000 visualizzazioni (CTR dello 0,001%). Ciò significherebbe che un sito in prima posizione su Google per quella parola potrebbe offrire 12 utenti al mese mentre, per altri siti o aziende, costerebbe una media di circa 20 Euro al mese (12 click per 1,70 Euro) per ottenere lo stesso numero di utenti.

Moltiplicando questo valore per 12 mesi e per una media di 3 anni si ottiene un valore di 720 Euro. Questa operazione andrebbe ripetuta per tutte le parole principali dove il sito è posizionato nei primi posti di Google. Una volta ottenuto il totale si potrebbe avere un base per definire il valore del proprio sito.

Anche se il posizionamento di un sito su Google rappresenta un aspetto importante ma non è l'unico aspetto da valutare per determinare il valore di un sito. Molti siti infatti, pur non essendo posizionati, potrebbero offrire un ottima base per ottenere una grande visibilità on-line.

Per esempio, un sito con una buona anzianità, con migliaia di pagine indicizzate e con un elevato numero di links esterni potrebbe semplicemente richiedere una revisione tecnica per ottenere un posizionamento strategico su specifiche parole. In questo caso bisogna fare un analisi più tecnica del sito per dedurre il suo vero potenziale e, in base a questo potenziale, si potrebbe finalizzare una stima del suo valore.

In altri casi il valore di un sito può crescere in base al traffico di utenti che lo visitano, anche se non è posizionato, proprio perché è comunque conosciuto da moltissimi utenti.

Un'altra variante da considerare è quanti ricavi/utile può generare il sito.

Per esempio, un sito di e-commerce che genera 100.000 Euro di fatturato l'anno con un utile di 15.000 Euro potrebbe essere valutato 1 o 2 volte il fatturato che genera annualmente o 10 volte l'utile in base al settore in cui opera. Altri fattori che si potrebbero analizzare sono la concorrenza on-line, gli strumenti utilizzati per certificare i dati del proprio sito, la quantità, la qualità e la regolarità degli aggiornamenti effettuati su di esso ed il nome del dominio.

In conclusione se si vuole ottenere una stima del valore per il proprio sito con lo scopo di venderlo, bisogna cercare di raccogliere e analizzare più dati possibile sul sito stesso, in modo da poter ottenere una stima precisa e poter dimostrare il valore della cifra richiesta al potenziale acquirente.

Ti è piaciuto l'articoli? Contattaci!